Training metacognitivi: sono quelle attività che permettono l’auto-regolazione dei processi mentali e l’auto-monitoraggio delle varie fasi di risoluzione di un problema. Sono strutturati al fine di potenziare le abilità cognitive, migliorare l’efficacia dei processi mentali e favorire l’autonomia negli apprendimenti.

Quando possono essere utili?

Nei Disturbi specifici dell’apprendimento scolastico e BES

I Disturbi Specifici di Apprendimento, così come definiti dalla Consensus Conference dell’Istituto superiore di Sanità (CC-ISS, 2011) sono “disturbi che coinvolgono uno specifico dominio di abilità, lasciando intatto il funzionamento intellettivo generale. Essi, infatti, interessano le competenze strumentali degli apprendimenti scolastici”. Tra questi si annoverano:

  • Dislessia, disturbo nella lettura;

  • Disortografia, disturbo nella scrittura;

  • Disgrafia, disturbo nella grafia;

  • Discalculia, disturbo nelle abilità di numero e di calcolo.

Nei soggetti con DSA spesso si riscontra un deficit metacognitivo per cui diventa importante l’insegnamento di strategie associate ad un training metacognitivo e attribuzionale

Questo è vero anche in caso di altri disturbi che rientrano nei cosiddetti Bisogni Educativi Speciali. Già nel 1997 l’UNESCO ha utilizzato il concetto di Bisogno Educativo Speciale (BES) per riferirsi a tutti quei bambini/ragazzi che “vanno male a scuola” per ragioni molteplici che impediscono, di fatto, una piena realizzazione sul piano scolastico-formativo. La Direttiva Ministeriale del 27/12/2012 riassume i BES in tre grandi sotto-categorie: quella della disabilità, quella dei disturbi evolutivi specifici (quali, tra gli altri, i Disturbi Specifici di Apprendimento e il disturbo da deficit attentivo e iperattività) e quella dello svantaggio socio-economico, linguistico e culturale.

Negli interventi di stimolazione cognitiva nella persona con lieve decadimento cognitivo

  • Tecniche di stimolazione della memoria esplicita (tecnica Spaced-retrieval; compensazione, categorizzazione, facilitazione, Metododei vanishing cues, Metododellestorie, Metododelleimmaginiassurde)
  • Tecniche di stimolazione della memoria implicita (Stimolazionememoriaprocedurale)

In generale quando si sente l’esigenza di migliorare le proprie performance cognitive